7 aprile. Giornata mondiale della salute. Per l’OMS è importante invecchiare bene e non andare in pensione

7 AprileIl 7 aprile è la Giornata mondiale della salute, che coincide con l’anniversario della costituzione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che compie quest’anno 64 anni. “La buona salute aggiunge anni alla vita” è il tema associato alla giornata quest’anno dedicata all’invecchiamento.

E “Invecchiare bene: una priorità globale” è il titolo dell’editoriale che il Lancet dedica a questa ricorrenza.

A livello globale, stiamo invecchiando. Tra non più di cinque anni, per la prima volta nella storia, il numero di persone dai 65 anni di età supererà quello dei bambini di età inferiore a 5 anni. I progressi della medicina, lo sviluppo socio-economico, e la fertilità in calo hanno contribuito a questo cambiamento demografico, e i paesi devono adattarsi a questo cambiamento in modo positivo e inclusivo. L’invecchiamento della popolazione è spesso visto in termini negativi e gli anziani come un peso per la società, esso dovrebbe invece essere visto – scrive il Lancet – come qualcosa da celebrare. Le persone anziane possono infatti ancora dare un significativo contributo alla società attraverso le loro esperienze e conoscenze, all’interno delle famiglie e attraverso il lavoro sia retribuito e non retribuito. Purtroppo la maggior parte degli anziani non riceve le cure necessarie per prevenire malattie croniche – come quelle cardiovascolari – evitabili o controllabili. Inoltre, più di 250 milioni di persone anziane in tutto il mondo, sono affetti da disabilità da moderata a grave, come diminuzione della vista, demenza, perdita dell’udito e artrosi. E si stima che ogni anno 28-35% degli anziani soffrono delle conseguenze di cadute. Anche maltrattamento degli anziani è un serio problema di salute, che in gran parte sfugge alle statistiche perché non dichiarato.

Nell’odierna Giornata Mondiale della Salute, l’OMS intende farsi dunque promotrice della promozione di un invecchiamento sano e attivo, basato su comportamenti salutari, ambienti sani e cure preventive in tutte le età per prevenire lo sviluppo di malattie croniche. Insomma, mobilitandosi per un invecchiamento sano per tutti, l’OMS rilancia così l’obiettivo di altri tempi della “salute per tutti”: correva l’anno 1978 e ci si era impegnati a raggiungerlo per il 2000. Nel frattempo è invecchiata anche l’OMS, ed è in corso un vivace dibattito sulla riforma, che affronterà anche la prossima Assemblea Mondiale della Sanità (in maggio). L’anno prossimo l’OMS farebbe 65 anni, la speranza è che le forze che hanno sempre contrastato l’idea dell’OMS come autorità di coordinamento e direzione della sanità internazionale ed il suo potenziale ruolo regolatore non riescano a mandarla in pensione. (EM)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...