La riforma dell’OMS: tutta una questione di soldi

salute5_bassaNicoletta Dentico

Questo capitolo affronta il nodo gordiano della riforma dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), la crisi finanziaria dell’agenzia. Detta così, sembrerebbe una circostanza seria ma per nulla originale, visti i tempi di crisi economica generalizzata a livello planetario, e il fatto che l’OMS non sia certo la sola realtà istituzionale impigliata in una strettoia finanziaria. La patologia finanziaria dell’OMS precede però di diversi anni la stretta economica globale. La persistente carenza di fondi è stata la miccia che ha dato avvio al processo stesso della riforma, la motivazione ufficiale dell’iniziativa, presa in mano con un certo piglio dalla Direttrice generale (DG) Margaret Chan nel gennaio 2011, dopo un primo passaggio di consultazioni informali nel gennaio 2010 per discutere su come allineare al meglio le priorità stabilite con le risorse disponibili, e assicurare maggiore stabilità futura. Il finanziamento è in effetti il principale problema dell’agenzia….. Leggi il seguito

Scarica il diciassettesimo capitolo del 5º Rapporto dell’Osservatorio Italiano sulla Salute Globale!

Di prossima uscita: “C’è bisogno di una riforma. Ma di che riforma? L’OMS di fronte alla sfida di una ricollocazione strategica”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...