UNICEF – 25.000 bambini migranti a rischio di disturbi psicosociali

4 maggio 2017 – L’UNICEF allerta che quasi 75.000 rifugiati e migranti, tra cui circa 24.600 bambini, attualmente bloccati in Grecia, Bulgaria, Ungheria e Balcani occidentali, rischiano di sviluppare disturbi psicosociali per le condizioni di insicurezza protratta a cui sono costretti a vivere. Nonostante nell’Unione Europea sussista il diritto legittimo al ricongiungimento familiare, la maggior parte dei richiedenti asilo, non sa se e quando, sarà loro consentito di poter proseguire il viaggio.

Nella maggior parte dei casi, sono i maschi adulti i primi ad affrontare il viaggio verso l’ Europa, mentre gli altri membri della famiglia li raggiungeranno in un secondo momento. In questo ambito, la chiusura delle frontiere nel 2016 e la dichiarazione UE-Turchia, hanno causato un’importante spaccatura familiare, impedendo il ricongiungimento – processo che richiede tra i 10 mesi e i 2 anni – ai più vulnerabili (anziani, giovani madri e bambini).

“Ci troviamo di fronte a madri e bambini, bloccati in Grecia, Serbia e Bulgaria, che non vedono mariti e padri per mesi o addirittura anni”, ha affermato Afshan Khan, direttore regionale dell’UNICEF e coordinatore speciale per la crisi dei rifugiati e dei migranti in Europa. “Il processo di riunificazione familiare è lento e il suo risultato è incerto, ed è questa incertezza che può causare notevoli disturbi emotivi e ansia per i bambini e le famiglie”.

Nel 2016, sono state fatte quasi 5.000 richieste di ricongiungimento familiare dalla Grecia, di cui 700 provenienti da bambini non accompagnati e separati. Solo 1.107 dei richiedenti hanno raggiunto con successo il paese di destinazione entro la fine dell’anno. Inoltre, va considerato che il numero di rifugiati e migranti in Grecia, in Ungheria e nei Balcani occidentali è in costante aumento – si è passati da 47.000 nel marzo 2016, a quasi 80.000 a fine aprile 2017.

L’UNICEF e i suoi partner in Grecia, fornendo sostegno psicosociale, monitorano la salute mentale e cercano di prevenire la depressione tra le madri e i bambini che aspettano la riunificazione familiare.

“Mantenere unite le famiglie è il modo migliore per garantire protezione ai bambini, per questo il processo di ricongiungimento familiare è così importante”, afferma A. Khan, “Con il numero in continuo aumento, è necessario che gli stati membri riducano al minimo le difficoltà procedurali in modo che le famiglie possano tornare insieme il più rapidamente possibile”.

https://www.unicef.org/media/media_95938.html

di Beatrice Formenti

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...