L’OMS lancia l’allarme: diffusi e in aumento gli abusi agli anziani

15 Giugno 2017 – Oggi è la Giornata Mondiale di Sensibilizzazione sugli abusi agli anziani.

In un mondo che continua ad invecchiare, circa 1 anziano su 6 sperimenta una qualche forma di abuso, cifra in crescita rispetto a quanto stimato e previsto in precedenza.

In un nuovo studio, sostenuto dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e pubblicato su The Lancet Global Health, è emerso che quasi il 16% degli over 60 anni sono soggetti ad abusi psicologici (11,6%), abusi finanziari (6,8%), stato di abbandono (4,2%), abuso fisico (2,6%) o abuso sessuale (0,9%). La ricerca raccoglie i dati da 52 studi di 28 Paesi, di cui 12 sono Paesi a basso e medio reddito.

“L’abuso di persone anziane è in aumento, questo ha gravi costi individuali e sociali per i 141 milioni di anziani in tutto il mondo”, afferma Alana Officer, consulente di salute dell’OMS. “Dobbiamo fare molto di più per prevenire e rispondere all’aumento delle diverse forme di abuso”, che hanno un impatto sulla salute e il benessere dell’anziano. Sottolineando che “Nonostante la frequenza e le gravi conseguenze sanitarie, l’abuso degli anziani rimane uno dei tipi di violenza meno studiati ed affrontati nelle indagini e nei piani nazionali”.

Vi è quindi la necessità di informare e sensibilizzare su questo argomento, considerato finora un tabù.

Secondo le stime, entro il 2050, nel mondo il numero di persone ultra 60enni raddoppierà, soprattutto nei paesi a basso e medio reddito, raggiungendo i 2 miliardi. Se la percentuale di anziani vittima di abusi rimanesse costante, il numero di persone interessate aumenterà rapidamente a causa dell’invecchiamento della popolazione, crescendo a 320 milioni di vittime entro il 2050.

Il Dr Etienne Krug, direttore del Dipartimento di gestione delle malattie non comunicabili, disabilità, violenza e prevenzione delle lesioni dell’OMS dichiara che “i governi devono proteggere tutte le persone dalla violenza. Dobbiamo lavorare per mettere in evidenza questa sfida sociale e per attuare le necessarie misure preventive”.

In questi termini, nel maggio del 2016 – durante l’Assemblea Mondiale della Sanità – i ministri della sanità hanno promosso il piano d’azione dell’OMS per l’Invecchiamento e la Salute.

La strategia comprende il miglioramento degli studi epidemiologici, in particolare nei paesi a basso e medio reddito, dove i dati sono ancora scarsi e lo sviluppo di azioni preventive per rispondere efficacemente a questa tematica.

di B.A.

Le NCDs un potpourri di malattie che potrebbero cambiare nome

14 Giugno – ieri è stato pubblicato su The Lancet Global Health un articolo di L. Allen e A. Feigl che propone di rinominare le malattie non trasmissibili (NCDs).

In molti sostengono che contrassegnare le differenti patologie a carattere non contagioso nello stesso gruppo denominato “malattie non trasmissibili” determina confusione, allontanando gli sforzi atti a far prendere coscienza e sviluppare interventi efficaci.

A tal riguardo, è emerso globalmente come la terminologia di “malattie non trasmissibili” sia vista come impropria e fuorviante, definendola infatti come una “prolissa non definizione” che indica solo ciò che questo gruppo di malattie non include e per questo sono state avanzate richieste per rinominarle.

Le NCDs – che includono cancro, diabete, malattie polmonari croniche ostruttive, malattie cardiovascolari e malattie mentali – sono la principale causa di morte nel mondo e affliggono sproporzionatamente i paesi in via di sviluppo. Le NCDs sono costate all’economia globale 47000 miliardi di dollari negli ultimi due decenni e continuano ad indurre milioni di persone alla povertà. Inoltre, nei paesi in via di sviluppo gli interventi e gli investimenti della sanità nazionale in tale ambito sono insufficienti e questo mina i progressi verso l’assistenza sanitaria universale e il miglioramento del capitale umano. In questi termini le NCDs condividono tutte le questioni di giustizia ideologica e sociale dell’HIV, causano 30 volte più decessi, ma ricevono finanziamenti 17 volte inferiori.

I bassi livelli di attenzione nazionale e internazionale per le NCDs, in termini di piani d’azione e finanziamenti potrebbero essere in parte imputabili all’inquadramento di queste malattie. Dopotutto, chiamandole malattie non trasmesse potrebbero indurre a considerarle come un non problema.

Rinominare le NCDs non è una questione di pedanteria, ma un mezzo importante per consolidare il crescente sostegno a queste condizioni, per rilanciare il dibattito sugli interventi che hanno le migliori possibilità di ridurre la loro incidenza. In tal senso, gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (OSS) hanno accresciuto l’importanza delle malattie non trasmissibili nell’Agenda globale e nei prossimi mesi la comunità sanitaria internazionale sceglierà indicatori appropriati per l’obiettivo. Se questa lunga discussione di ridenominazione venisse affrontata in modo completo, si potrebbe portare avanti un effettivo e regolare progresso in materia.

Anche se si è certi che il nome NCDs deve essere cambiato, ancora non si ha un’alternativa convincente. Le nuove denominazioni suggerite variano da “malattie a lungo termine” a “malattie insidiose” abbreviate con IKDs – dall’inglese Insidious Killer Diseases. Altro nome proposto è “Condizioni Socialmente Trasmesse”, andando a sottolineare il peso che assumono i determinanti sociali su questo gruppo di patologie e mettendo in evidenza la loro parziale o totale trasmissibilità.

Nel complesso, questo processo consultivo globale dovrebbe includere non solo la presentazione di nuovi nomi, ma anche una discussione sostanziale sulle specifiche malattie. La nuova classificazione potrebbe essere adottata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità nel 2020, dopo la scadenza del Piano d’Azione Globale per le NCDs.

Questa iniziativa potenzierà l’innovazione, l’azione multisettoriale e il finanziamento di queste condizioni che causano 38 milioni di morti ogni anno.

 

di B.A.

http://thelancet.com/journals/langlo/article/PIIS2214-109X(17)30001-3/fulltext

WHA70 – NCDs: è necessario attuare misure per ridurre l’esposizione ai fattori di rischio

Ginevra, 31 Maggio 2017 – L’Assemblea Mondiale della Sanità ha dibattuto ieri di malattie non trasmissibili (NCDs). I delegati hanno approvato una serie aggiornata di strategie e di interventi politici per aiutare i Paesi a raggiungere gli obiettivi globali per la prevenzione e il controllo delle NCDs, introducendo 16 interventi noti come “best buys” nel Piano d’Azione Globale 2013-2020 dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

Particolare attenzione è stata posta sulle misure volte a ridurre l’esposizione ai fattori di rischio per le NCDs – ad esempio la tassazione delle bevande zuccherate e del tabacco, il divieto di pubblicizzare il tabacco e la riformulazione di prodotti alimentari con un ridotto contenuto di sale. Altri interventi per migliorare la gestione e il controllo delle NCDs includono la terapia farmacologica per il diabete e l’ipertensione, la consulenza post infarto o ictus e lo screening del cancro alla cervice per le donne.

I delegati hanno riportato il lavoro dell’OMS per promuovere l’agenda delle NCDs, includendo i preparativi in ​​corso per la terza riunione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite che si terrà nel 2018.

di B.A.

WHA 70: Nuovo piano di azione globale contro la demenza

Ginevra, 30 Maggio 2017 – ieri l’Assemblea Mondiale della Sanità ha approvato il nuovo piano di azione globale contro la demenza 2017 – 2025, con l’impegno di sviluppare strategie nazionali ambiziose e piani di attuazione.

Il piano globale ha lo scopo di migliorare la vita delle persone affette da demenza, delle loro famiglie e dei loro caregiver, riducendo l’impatto di questa patologia a livello di comunità e paese. Le aree d’azione includono: diagnosi, trattamento e supporto, ricerca e tecnologie innovative e sviluppo di ambienti di supporto per chi si prende cura delle persone affette. I delegati hanno riconosciuto l’importanza dell’Osservatorio Globale sulla Demenza come sistema per monitorare i progressi sia nei vari paesi sia a livello globale, mettendo in evidenza la necessità di un approccio integrato socio-sanitario.
E’ stata inoltre sottolineata l’importanza di assicurare i diritti umani delle persone affette da demenza, aspetto da tenere in considerazione sia durante lo sviluppo di strategie nazionali, sia durante la loro implementazione.

Nel mondo, circa 47 milioni di persone sono affette da demenza, con circa 9.9 milioni di nuovi casi ogni anno. Circa il 60% delle persone con demenza vive in paesi a basso e medio reddito.

di L.d.M.

WHA70 – Salute e ambiente: come prevenire 12.6 milioni di morti l’anno?

Ginevra, 26 Maggio 2017 – si è tenuta oggi la riunione tecnica “Ereditando un mondo sostenibile” sulla Salute e sull’Ambiente.

Il Direttore Generale Margaret Chan apre l’evento dichiarando: “il mondo sta perdendo la capacità di sostenere la salute del pianeta”. “La specie umana è la più colpita dai cambiamenti climatici”, sottolineando quanto sia importante uno sforzo collettivo per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (OSS).

Si è parlato della possibilità di prevenire 12.6 milioni di morti l’anno, circa il 23% delle morti globali, costruendo delle società attente alla salute ambientale. L’impatto del cambiamento climatico e dell’inquinamento sulla salute globale è notevole, considerando che l’inquinamento atmosferico concorre alla morte di 6.5 milioni di persone.

Moderatrici della riunione sono state la Dr.ssa Flavia Bustreo, Assistente Direttore Generale dell’OMS, e la Dott.ssa Maria Neira, direttore del Dipartimento di Ambiente e Determinanti Sociali.

 

 

 

G20 2017: l’importanza della cooperazione internazionale

Berlino 20 maggio 2017 – La capitale tedesca ospita il G20 che vede riuniti da ieri, per la prima volta nella storia di questo consesso, i Ministri della Salute degli Stati membri.

All’ordine del giorno diversi temi di salute globale.

Come sottolineato dal Ministro federale della Salute tedesco: solo mediante la collaborazione e la cooperazione internazionale è possibile attuare una politica globale della e per la salute al fine di preparare e “attrezzare” il mondo ad affrontare una possibile crisi sanitaria globale.

Questi i principali punti dell’agenda.

  1. La gestione di una possibile crisi globale della salute. I Ministri esamineranno come migliorare la gestione di un’eventuale crisi della salute globale, simulando un contesto di crisi per capire come meglio intervenire in una situazione di reale emergenza. Il test prevede l’individuazione di modalità e canali di comunicazione per assicurare il flusso delle informazioni, organizzare e coordinare gli interventi.
  2. La prevenzione. Un punto chiave di discussione e confronto rimane la prevenzione. La Germania intende promuovere uno sviluppo sostenibile delle cure sanitarie nei paesi cosiddetti in via di sviluppo e in situazioni di emergenza aiutarli a prevenire crisi future. Si parlerà in particolare delle infezioni da virus Ebola, di cui sono stati registrati 29 nuovi casi nella Repubblica Democratica del Congo, e di come un migliore sistema sanitario  potrebbe rendere il Paese colpito dal virus capace di affrontare l’epidemia.
  3. La lotta contro la resistenza agli antibiotici. L’antibioticoresistenza è in spaventosa crescita e sta iniziando a rendere complicata la lotta contro malattie endemiche quali HIV/Aids, tubercolosi e malaria. Per questa ragione i Ministri saranno impegnati a discutere in merito alle migliori pratiche per sviluppare nuovi farmaci su scala internazionale al fine di combattere la resistenza agli antibiotici.

di L.G.

Salva le vite: #rallenta. Settimana Mondiale sulla sicurezza stradale

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) lancia la IV Settimana Mondiale sulla Sicurezza Stradale dall’8 al 14 maggio.

La settimana e la sua campagna correlata, Salva le Vite: #rallenta, hanno lo scopo di mettere in evidenzia i pericoli della velocità alla guida e le misure da adottare per affrontare i rischi ad essa associati.

Durante la settimana, attraverso eventi, campagne di sensibilizzazione, simposi e attività di coinvolgimento politico, l’OMS vuole porre l’attenzione sulle misure da adottare per ridurre i comportamenti di guida pericolosi, sottolineandone l’importanza per conseguire gli obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS) legati alla sicurezza stradale.

L’OMS nel nuovo rapporto, Managing speed, riporta come l’eccessiva o inadeguata velocità contribuisca a 1 su 3 vittime degli incidenti stradali, per i quali si stimano circa 1,25 milioni di morti nel mondo l’anno. Gli studi indicano che tipicamente il 40-50% degli automobilisti superino i limiti di velocità consentiti e i conducenti maschi, giovani e sotto l’influenza dell’alcool abbiano maggiori probabilità ad essere coinvolti in incidenti legati alla velocità. Gli incidenti stradali rimangono la causa principale di morte tra i giovani tra i 15-29 anni e costano ai paesi dal 3 al 5% del PIL e conducono molte famiglie verso la povertà.

“La velocità è al centro del problema globale degli incidenti stradali”, ha dichiarato il direttore generale dell’OMS Dr. Margaret Chan, “Se i paesi riuscissero ad affrontare questo problema, potrebbero ottenere i vantaggi dell’avere strade più sicure, sia in termini di vite salvate, che di effetti profondi e duraturi sulla salute, per l’uso di biciclette e l’accesso ad aree pedonali”, riducendo di conseguenza le malattie non trasmesse, cardiovascolari, diabete e cancro.

Le misure di gestione della velocità suggeriti dall’OMS includono:

  • la costruzione o modificazione di strade con l’inclusione di rotatorie e altri mezzi per ridurre la velocità;
  • l’introduzione di limiti di velocità adeguati;
  • l’applicazione dei limiti di velocità mediante l’uso di comandi manuali e automatizzati;
  • l’installazione di tecnologie nelle automobili, come l’assistenza e la frenata d’emergenza automatica;
  • l’aumentare la consapevolezza dei pericoli della velocità.

Oltre che sulla gestione della velocità, il piano si concentra sulla leadership, sulla progettazione, sul miglioramento dell’infrastrutture, sulle norme di sicurezza dei veicoli e sull’applicazione di leggi stradali.

In occasione della Settimana mondiale sulla sicurezza stradale, l’OMS ha inoltre pubblicato Salva le vite: un pacchetto tecnico di sicurezza stradale, nel quale vengono descritte le 22 misure considerate avere un impatto importante sulla riduzione delle morti e delle lesioni da incidenti stradali, dedicando una sezione alla velocità.

di Benedetta Armocida

 

ECLAC/WFP. In America Latina un “doppio carico” di denutrizione e obesità che costa miliardi

Il 24 aprile, la Commissione Economica per l’America Latina e i Caraibi (ECLAC) e il Programma Alimentare Mondiale (WFP) hanno pubblicato i risultati della ricerca congiunta tesa a stimare le perdite di produttività, salute e istruzione in Cile, Ecuador e Messico.

Secondo la ricerca “The Cost of the Double Burden of Malnutrition: Social and Economic Impact”, l’impatto combinato di denutrizione e sovrappeso/obesità, noto come il “doppio carico della malnutrizione”, è costato miliardi di dollari alle economie dell’America Latina.

Il rapporto evidenzia come la malnutrizione – intesa sia come denutrizione che sovrappeso/obesità -abbia un impatto negativo sulle malattie, sui tassi di mortalità, sulla produttività e sulle prestazioni educative, con enormi conseguenze economiche per i soggetti affetti, per le comunità e i paesi.

Secondo lo studio, come conseguenza della malnutrizione il prodotto interno lordo (PIL) di ciascun paese si starebbe riducendo di anno in anno, con perdite stimate a 500 milioni di dollari in Cile, 4,3 miliardi di dollari in Ecuador e 28,8 miliardi di dollari in Messico, che rappresentano rispettivamente lo 0,2%, il 4,3% e il 2,3% del PIL.

“Negli ultimi dieci anni in molti paesi a reddito medio sono stati fatti grandi progressi nella riduzione della denutrizione. Nonostante il problema persista, adesso assistiamo ad una contemporanea presenza di denutriti e di soggetti in sovrappeso all’interno delle stesse famiglie”, ha detto il Direttore Regionale del WFP, Miguel Barreto.

Le stime sono spaventose: nonostante la denutrizione sia in diminuzione, la sovranutrizione è divenuto un grande problema sociale ed economico nella regione. Tra il 2014 e il 2018 si valuta che, il sovrappeso e l’obesità, costeranno in media all’anno 1 miliardo di dollari in Cile, 3 miliardi di dollari in Ecuador e 13 miliardi di dollari in Messico.

Lo studio raccomanda misure governative di educazione alimentare e programmi di attività fisica. È necessario inoltre incoraggiare l’industria alimentare a lavorare con i governi per garantire la produzione, la disponibilità e l’accessibilità a prodotti alimentari più sani e a svolgere un ruolo positivo e responsabile nell’educare i consumatori a scelte salutari.

https://www.wfp.org/news/news-release/double-burden-undernutrition-and-obesity-cost-latin-america-billions-says-new-repo

di Benedetta Armocida

Una nuova epidemia? Per prevenirla bastano igiene e un paio di scarpe

Il 10 aprile 2017 sull’American Journal of Tropical Medicine and Hygiene è stato pubblicato uno studio sulla misteriosa epidemia di elefantiasi sviluppatasi nel distretto di Kamwenge, in Uganda occidentale. Lì dove si era sospettato un evento epidemico ed improvviso di elefantiasi parassitaria, si è invece diagnosticata la podoconiosi, forma rara di elefantiasi non infettiva. Ma non chiamatela “tropicale”!

Non ha infatti nulla a che vedere con la latitudine la podoconiosi, dal greco “podos” e “konos” che significa “piede” e “polvere”, una malattia invalidante però negletta, su base non infettiva, determinata dalla prolungata esposizione dei piedi nudi ad irritanti minerali del suolo vulcanico.

I minuscoli cristalli minerali appuntiti, contenuti nel suolo vulcanico, possono infatti penetrare nella cute dei piedi e in alcune persone attivare un processo infiammatorio, che a lungo termine produce un accumulo di tessuto cicatriziale, che a sua volta va a bloccare i vasi linfatici e determina linfedema severo e ulcere agli arti inferiori. È una patologia cronica con maggiore prevalenza in alcune zone dell’Uganda orientale, ma soprattutto in Etiopia, dove, come stima l’OMS, si contano almeno 1 milione di persone affette.

Quando nel 2015 è stata annunciata la possibilità di un’epidemia di elefantiasi, nel Kamwenge, un team del ministero, dell’ufficio regionale dell’OMS e l’Università di Makerere hanno iniziato ad indagare.

Nonostante le persone affette presentassero edema dolente agli arti inferiori e ulcere, segni tipici di filariasi, non vi erano evidenze microscopiche di parassitosi. Dopo aver esaminato la storia medica di 52 soggetti, identificati come casi sospetti, gli scienziati sono giunti alla conclusione che si trattava di una forma di elefantiasi cronica su base non infettiva, escludendo la possibilità di un’epidemia acuta.

“Le persone possono soffrire di podoconiosi, una malattia non infettiva, per decenni prima che diventi ovvia l’evoluzione in elefantiasi,” ha detto Christine Kihembo, epidemiologa del Ministero della Sanità ugandese e principale autore dello studio. “Molte persone affette in Uganda occidentale probabilmente soffrivano silenziosamente senza chiedere alcun aiuto per più di 30 anni.”

Gli scienziati hanno concluso che “è stata scoperta una patologia cronica negletta che negli ultimi 30 anni aveva assunto un’incidenza annua relativamente stabile”.

In accordo con lo studio, l’età media alla diagnosi era 48 anni, ma essendo una patologia ad andamento progressivo, l’esposizione inizia sin dalla giovane età.

Dati hanno dimostrato che il modo migliore e semplice per prevenire la podoconiosi sia curare l’igiene personale e indossare scarpe durante il lavoro nei campi – 93% dei soggetti in esame lavorava scalzo. Di conseguenza, nella regione, è iniziata una campagna educativa di sanità pubblica, per informare la comunità sulle cause di sviluppo della malattia e come prevenirla.

“È sicuramente una sfida far crescere la consapevolezza dell’importanza dell’igiene dei piedi tra persone di una comunità povera e rurale, dove ci sono molti disagi e andare a piedi nudi non è generalmente uno tra questi” dice Kihembo; ribadendo la necessità di una diagnosi precoce per evitare di raggiungere un “punto di non ritorno” in cui l’edema non può più essere invertito e “le persone finiscono per essere isolate e stigmatizzate per la malattia e possono sviluppare infezioni secondarie a causa delle ulcere cutanee, le quali causano un ulteriore deperimento nella salute e nelle loro capacità di essere membri produttivi della comunità”.

http://www.ajtmh.org/content/journals/10.4269/ajtmh.16-0932

di Benedetta Armocida

Le malattie non trasmissibili tra salute pubblica e interessi privati: l’affermarsi del modello multistakeholder

salute5_bassaChiara Di Girolamo, Alice Fabbri

“Preferirei essere malato di AIDS piuttosto che di diabete”. Con queste sconvolgenti parole pronunciate da un uomo cambogiano Deborah Co- hen, editor del British Medical Journal, apre un articolo sul tema delle malattie non trasmissibili svelando il paradosso che le caratterizza. Se da un lato tali patologie rappresentano ormai il principale carico di ma- lattia a livello globale e sono largamente responsabili delle crescenti disuguaglianze in salute, dall’altro ricevono ancora limitata attenzione e scarsi finanziamenti – soprattutto nei Paesi a risorse limitate – rispet- to alle più famose big three: AIDS, malaria e tubercolosi. Dai dati del Global Status Report on Non-Communicable Diseases si apprende in- fatti che “dei 57 milioni di decessi che si sono verificati a livello mon- diale nel 2008, 36 milioni – quasi due terzi – erano dovuti a malattie non trasmissibili, principalmente patologie cardiovascolari, tumori, diabete e malattie polmonari croniche”. Il rapporto sottolinea inoltre come il carico di malattie non trasmissibili stia crescendo più veloce- mente tra i Paesi a basso reddito; significativo in questo senso il fatto che in Africa Subsahariana le donne hanno una probabilità di morire o andare incontro a disabilità a causa di malattie non trasmissibili quattro volte maggiore rispetto alle donne che vivono in Paesi ad alto reddito.3
Questi dati contribuiscono a scardinare il luogo comune secondo il quale le malattie croniche sono tipiche dei Paesi ricchi e legate all’opu- lenza e al benessere, e richiamano l’attenzione sul fatto che i Paesi a basso reddito si trovano oggi ad affrontare il cosiddetto “doppio carico di malattia”, rappresentato da una critica combinazione di malattie tra- smissibili e non trasmissibili……. Leggi il seguito

Scarica il dodicesimo capitolo del 5º Rapporto dell’Osservatorio Italiano sulla Salute Globale!

Di prossima uscita: “La Commissione su macroeconomia e salute”