I BREVETTI PER LA RICERCA SULL’AIDS RESTANO PUBBLICI

CANCELLATA LA PRECEDENTE DELIBERA CHE LI PRIVATIZZAVA.  IMPORTANTE DECISIONE DEL COMMISSARIO DELL’ISS.

Con una decisone del 4 novembre u.s., resa pubblica oggi, il commissario dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS), il prof. Gualtiero Ricciardi ha deciso di “non procedere al riconoscimento della società  Vaxxits.r.l. quale spin-off sostenuto dall’Istituto  Superiore di Sanità”; viene così definitivamente cancellata la delibera  del 4/3/2014 con la quale il CdA dell’ISS aveva deciso di “concedere per 18 mesi un’opzione esclusiva a Vaxxit  per l’utilizzo dei brevetti TAT (ndr. La proteina coinvolta nella ricerca sul vaccino contro l’AIDS, vaccino del quale, nonostante ingenti finanziamenti, non c’è traccia all’orizzonte)…”.

Tale delibera , dopo la denuncia pubblica sollevata dal sottoscritto e dal mensile Altreconomia era stata sospesa dallo stesso CdA dell’ISS il 10/6/2014, esattamente un mese prima che il Cda dell’ISS fosse sciolto e l’ISS fosse commissariato. Con la decisone  resa pubblicai oggi la  delibera del 4 marzo è definitivamente cancellata.

Quella odierna è una decisione di estrema importanza : i brevetti TAT sono il frutto di anni di lavoro di un equipe di ricercatori dell’ISS  che ha operato con finanziamenti pubblici dello stato italiano, soldi quindi di tutti i cittadini, ed è doveroso che i risultati ottenuti  e gli eventuali  profitti economici restino patrimonio delle struttura pubblica portando un beneficio a tutta la comunità nazionale e un giusto riconoscimento a tutti i professionisti che si sono impegnati in tale ricerca.

Nel nostro Paese purtroppo è una pratica diffusa  che il pubblico investa nella ricerca ed il privato ne utilizzi i risultati traendone ingenti profitti.  Il caso specifico risultava ancora più scandaloso perché i maggiori azionisti della società Vaxxit, che avrebbe dovuto beneficiare dei brevetti  ( seppure per un periodo transitorio), erano la responsabile dello stesso progetto di ricerca finanziato dall’ISS, e dipendente di tale istituto, ed un professionista, ex consulente dell’ISS che aveva avuto come compito dall’istituto proprio la tutela dei brevetti  dell’ISS. Un evidente ed inaccettabile conflitto d’interessi .

La decisione del commissario giunge dopo le reiterate denunce pubbliche del mensile Altreconomia e del sottoscritto che già nel 2011 aveva  pubblicato il libro “AIDS, lo scandalo del vaccino italiano” (V. Agnoletto & C. Gnetti, ediz. Feltrinelli 2012) e che proprio  su questa vicenda era stato sentito nel  giugno u.s . dalla commissione Sanità del Senato.

Mi complimento con il commissario  che ha avuto il coraggio di cancellare decisioni assunte dai presidenti che lo hanno preceduto ai vertici dell’ISS;  auspico che il prof Ricciardi prosegua in questa direzione,  rivedendo completamente  i criteri attraverso i quali vengono stabiliti i fondi per  la ricerca sull’AIDS, potenziando i finanziamenti e ridefinendo le priorità della ricerca clinica e degli interventi di prevenzione. Mi auguro che le conclusioni del “gruppo tecnico di lavoro” istituito dal Commissario per definire i criteri per la ricerca di finanziamenti  per i progetti dell’ISS si muovano nella direzione di tutelare la ricerca pubblica e l’expertise dei nostri  ricercatori.

Vittorio Agnoletto

Ha pubblicato precedentemente, 11 giugno 2014:  Continua lo scandalo del vaccino italiano contro l’AIDS

Informazioni autore: Vittorio Agnoletto, medico, già presidente della Lega Italiana per la Lotta contro l’AIDS, già membro della Commissione Nazionale AIDS, coautore del libro “AIDS Lo scandalo del Vaccino Italiano” (Feltrinelli 2012) .

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

PUBLIC INTEREST CIVIL SOCIETY ORGANIZATIONS VISION STATEMENT ON NUTRITION

Preamble

This document emerged from the joint efforts of public interest civil society organizations that have actively engaged in the preparatory process for the Second International Conference on Nutrition (ICN2), an intergovernmental conference organized by the Food and Agricultural Organization (FAO) and the World Health Organization (WHO) to address malnutrition in all its forms. While the group is diverse and positions might differ on specific issues, this vision statement expresses the elements of common concern.
Circumstances have profoundly changed since the 1992 International Conference on Nutrition. Although some uneven progress has been made with regard to the reduction of stunting and underweight rates among children, under-nutrition remains an immediate and dramatic challenge, and the burden of overweight and obesity has significantly expanded, manifesting its profound health consequences in terms of increased incidence of diabetes, cardio-vascular diseases, some types of cancer and other non-communicable diseases. Although the conclusions of the ICN2 negotiations are a welcome step and include valid recommendations, public interest civil society organizations consider them inadequate to confront the scale of the malnutrition challenge. Furthermore, the negotiations exposed profound differences among governments in both the understanding of the problems and the possible ways forward, casting serious doubts on the real extent and depth of the common political foundation and commitment behind the formal deliberations.

Against such background, this document expresses our agency as public interest civil society organizations. Its purpose is to voice our common concerns and articulate our aspirations and strategies on how to address the complex challenge of malnutrition in all its forms. In the context of the ICN2 follow-up and the proposed Decade of Action on Nutrition, it also aims to inspire, catalyze and direct our common action to scale-up our ambitions, coordinate and synergize our activities, strengthen our advocacy efforts and intensify our monitoring functions.

Lasting solutions to the challenges of malnutrition in all its forms require solid foundations built around the following four strong pillars and domains for action: (I) Human rights and rights-based approach to food and nutrition security; (II) Coherent and coordinated management of nutrition throughout the lifecycle and at all levels; (III) Sovereign local food and agricultural systems based on agro-biodiversity; and (IV) Democratic governance of food and nutrition and global and national regulatory framework.

These foundations can only be laid on a common understanding of the challenge of malnutrition and need to be complemented by coherent strategies, actions and initiatives in closely connected policy domains.

 FULL DOCUMENT: CSO Vision Statement – 13 Nov 14

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Health at the centre of the post 2015 agenda

The Italian Presidency of the European Union (EU) is placed at a strategic moment in the negotiations that will determine the global agenda for development after 2015. At its 69th annual session in September 2014 the UN General Assembly initiated the process that will lead to the formulation of the post-2015 development agenda and, with it, new Sustainable Development Goals (SDGs) aimed at bringing tangible results in fighting poverty and improving the lives of all people. How can mistakes of the past be avoided in this fundamental step? And how to prevent the SDGs becoming the repetition of an intergovernmental path bashed by the difficulties of multilateralism?

The Millennium Development Goals (MDGs) propelled a wave of unprecedented commitment by the international community, but had some recognized limitations: the structural segmentation imposed by the strict criteria of measurement, without the possibility of measuring the reliability of the data in each country; the statutory but non-binding soft norms applied to all countries; and the institutionalization of the role of public/private partnerships in the agenda for development. Today, the mobilization produced by the MDGs requires a thorough reassessment, to properly address the challenges of a world burdened by seven years of global financial and economic downturn, by the climate and environmental crisis, by the rise of inequalities between and within countries, and by the intensification of wars and conflicts. These scenarios have, among others, significantly altered the rules of democracy and global governance.

The EU countries demonstrated in the past their ability to translate universal rights into an original social contract between the citizens and the State, thus they have the credentials to exercise a leadership role in defining the dimensions of a sustainable future. They have the body of knowledge and the tradition of experiences that can help indicate the proper political direction towards future horizons of human development, in a perspective of intergenerational equity.

Health first

The Italian Global Health Watch (OISG)[1] considers health as the starting point of any path towards true human development. Health intersects many different and critical factors in all stages of life: education, employment, gender balance, distribution of wealth and access to resources, social protection, self-determination and quality of a democracy. Health requires the implementation of cross-sectorial policies and the assessment of the degree of integration among sectors. Health is a nearly and highly sensitive detector of other indicators’ progress, and health equity measures the quality and extent of the entitlement to citizenship granted to individuals in a society.

Health inequalities, by contrast, tell of all the other inequalities. The epidemiological data from Greece[2],[3] point to the need to carefully reassess the impact and sustainability of policies to control public spending.[4] In particular, they warn policy makers against the temptation to measure states’ performance purely on financial criteria, and to intervene with severe sanctions against countries that violate the criteria of economic stability used as benchmarks.

For the post 2015 agenda, OISG proposes three pillars for building the SDGs.

  1. MORE HEALTHY LIFE YEARS FOR ALL

Individual and population health is the result of a life in which all the determinants of health (biological, environmental, economic, social and healthcare-related) contribute in a positive way to preventing and managing discomfort, illness and disease. The indicator that best senses the pursuit of a healthy life is the Healthy Life Expectancy (HLE),[5] an indirect measure of all the other dimensions of development that influence health and of the real opportunities for people: education, employment, wages, housing, climate, and respect for human rights.

OISG recommends HLE from birth as the central indicator for determining the attainment of SDGs. The objective “more years of healthy life for all” includes improving health (more years of healthy life) and reducing inequity (for all, intended as a reduction of the gap between rich and poor, and between males and females).

The HLE, like any other health indicator, varies from country to country and within countries, by region, by distribution of resources, and above all by social class. Because it can be used to promote a reduction of the gradient of inequality, the HLE should always be measured, and presented, using an equity stratifier, i.e. a variable that measures social differences, such as the distribution by level of education or by income quintile. Globally, the level of income is the most widely used equity stratifier, because of its feasibility. The HLE of the poorest 20% can be compared, for example, with the one of the richest 20% in a population.

Other specific health objectives can be added to “more years of healthy life for all”, on aspects of health that contribute to increase the number of healthy life years. These additional objectives may vary from country to country and may interconnect in different ways within countries, if there are regional differences in terms of human development. For example, in low or very low income populations, the major contribution to the improvement of the HLE is the reduction of maternal, neonatal, infant and under-five mortality. In high-income populations it may be better to focus on the causes of disability in people over 50 years of age. In all countries, regardless of their level of development, there will be specific objectives on the prevention and control of non-communicable diseases and on strengthening health systems. All these choices should be made bearing in mind the different contexts, with a great concreteness, measurability and adaptability, without concealing any relevant factor in a given society.

Having “more years of healthy life for all” as a primary objective, with appropriate secondary objectives, does not exempt governments and the international community from their responsibility and commitment for ensuring a decorous life to people with a shorter healthy life or those who spend long periods of their life with discomfort, disease and illness.

  1. THE EARLY YEARS LAST A LIFETIME

The best strategy to ensure more years of healthy life with an equity and intergenerational lens lies in addressing the very early stages of life, from conception to the first three years. This is the critical period for health and nutrition, and for cognitive, emotional and social development, with long lasting effects throughout the life course. During this crucial period, poverty, lack of access to appropriate care starting from pregnancy and childbirth, and lack of adequate nutrition and other growth and development opportunites, such as educational and socio-relational ones, contribute to the vicious circle of poverty and disease. The early years are therefore an unparalleled window of opportunity for interventions to prevent risks and to promote health and development.[6]

The way parents invest on their children depends on their employment status and social position, on their state of health and level of education, and ultimately on their capacity for self-determination. It also depends on the type of solidarity which a national community can put in place. Social protection, full employment and income support, universal health and education policies and services that reach individuals and families from the pre-conceptional period, particularly with respect to families in difficult situations and children with special needs, are all recognized as the best way to ensure human development.

OISG recommends for every child the best possible start in life, as this is one of the most far-sighted and effective policies that governments can adopt to build equity and sustainability. “Investing in children: breaking the cycle of socio-cultural disadvantage” is a policy recommended by the European Commission in February 2013.[7] Investments in health, nutrition and cognitive, emotional and social development in the early years of life afford the highest economic returns for individuals and for society. Ultimately, it is also an ethical imperative, as well as a worldwide-recognized right and a binding duty for governments.[8]

  1. THE ESSENTIAL CONDITION OF LIABILITY

The greatest challenge for the post-2015 targets is probably to avoid reproduce the past dissociation between the awesomeness of global proposals (the promised results and deadlines for achieving them) and the uncertainty and limitations, or even absence, of achieved quantitative objectives that can be reliably measured.

To this well-known and deep dissociation, an even more worrying additional element, hardly discussed at intergovernmental level, comes into sight in the negotiations for the post-2015 agenda: The lack of a binding system of accountability and obligations for governments and the international community. Such a system is no foreseen, neither in the planning stage, nor for the evaluation of results. Again, a logic that conceives the SDGs as non-binding recommendations is likely to prevail. A logic mistakenly taken for granted by a global community in which public actors and private interests intertwine in pretty loose ways. Health and health care coincide closely with the protection, the guarantee and the promotion of human rights for individuals and populations; they belong, therefore, to the realm of imperativeness[9],[10]. Their violation, by commission or omission, in this sense coincides with a fault of respect for the uninfringeable right to a decorous life.

OISG recommends a formulation of compulsory accountability for the SDGs, starting from the goals related to health, at individual and collective level, with an obligation to produce specific and not generic reports. In this formulation, it is essential to clearly specify:

  • who bears the responsibility to foresee, plan and implement a health care legislation that ensures universal coverage;
  • where and to what extent these responsibilities are decided at the level of countries, regions and international agencies;
  • that trade and economic rules must be flexibly interpreted and implemented if they are in conflict with universal human rights (e.g., intellectual property rights as opposed to access to life-saving medicines and vaccines), and how this will be done;
  • the safeguards that should guide governments’ conduct and decisions, especially in relation to bilateral and multilateral trade agreements, whose potential impact on sustainable development after 2015 is of great concern and should be subject to rigorous analysis;
  • the areas to be formally monitored to protect the public sector from the interests and investments (often illegitimate as well as illicit) of private actors, including regional and global financial agencies and groups involved in health and social services across borders.

The definition of the post-2015 agenda is undoubtedly a demanding challenge. It is also a unique opportunity for a conceptual and operational leap, in the name of policies that will deal with the real problems of people worldwide.

In a global society drenched in a sense of widespread insecurity, the concept of sustainable development requires audacity and vision. The international community must engage in the changes needed to overcome the current sharp contrasts and to re-establish the priority of universalistic policies and spaces of democracy, both crucial to ensure a life worth living.

Putting health at the center of this path is the first step. No one shall be left behind.

Rome, 16 October 2014.

Bibliografia

[1] https://saluteglobale.it/

[2] Kondilis E et al. Economic crisis, restrictive policies and the population’s health and health care: the Greek case. Am J Public Health 2013;103:973-9

[3] Karanilolos  M et al. Financial crisis, austerity and health in Europe. Lancet 2013;381:1323-31

[4] Stuckler D, Basu S. The Body Economy: Why Austerity Kills. Basic Books, New York, 2013

[5] The HLE is typically 10-20 years lower than LE (Life Expectancy).Both can be estimated from birth or after reaching a given age.

[6] Walker SP et al. Inequality in early childhood: risk and protective factors for early child development.Lancet2011;378:1325-38

[7] European Commission. Investing in children: breaking the cycle of disadvantage. Bruxelles, 2013

[8]Convention on the Rights of the Child http://www.ohchr.org/en/professionalinterest/pages/crc.aspx

[9] International Covenant on Economic, Social and Cultural Rights. United Nations, New York, 1966 http://www.ohchr.org/Documents/ProfessionalInterest/cescr.pdf

[10] World Health Organization. 25 questions and answers on health and human rights. WHO, Geneva, 2002 http://whqlibdoc.who.int/hq/2002/9241545690.pdf

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

EBOLA: LA TEMPESTA PERFETTA

Da quando è tornato a infestare l’Africa, con dinamiche di contagio e parabole epidemiologiche che non si erano mai viste prima, neha fatta di stradail virus dell’Ebola. Dal primo passaggio del virus, forse dovuto al contatto fra un contadino di uno sperduto villaggio della Guinea Conakry e una volpe volante (o pipistrello della frutta), tra la fine del 2013 e l’inizio del 2014. Da quando è stata finalmente identificata, nel marzo 2014, l’epidemia ha moltiplicato le sue rotte.Oltre i remoti villaggi senza nome, lungo le camionali dirette alle brulicanti città africane. Fuori dai confini sociali della povertà, a lambire la classe media del continente, anch’essa aeromobile ormai. Gli ultimi dati dell’OMS registrano 7470 casi in Guinea, Liberia e Sierra Leone, con 3431 decessi. Ma l’Ebola è uscitaormai anche dal continente africano. E’atterratanegli Stati Uniti, con il“caso zero” di virusdel 28 settembre in Texas– quello di Thomas Eric Duncan, in lotta tra la vita e la morte fino al decesso, senza appello, nella giornata di ieri–il panico nella comunità liberiana di Dallas ealtre persone ad altissimo rischio di contagio, secondo le ultime notizie. C’è poi il giornalista freelance della NBC News, AshokaMukpo che, infettato la scorsa settimana, è approdato qualche giorno fa all’ospedale del Nebraska. E da ultimo, Ebola è comparsa anche in Europa, con un’infermiera spagnola assediata dal virus dopo aver prestato le cure al missionario Manuel Garcia Viejo, infettato in Africa, ripatriato d’urgenza e poi deceduto all’ospedale di La Paz Carlo III di Madrid.

Segnerà una svoltanella gestione della patologia, quest’approdo oltreoceano?

Il fatto che l’epidemia sia fuori controllo, come aveva anticipato qualche settimana fa la presidente di Medici Senza Frontiere Joanne Liu, e come ormai riconoscono anche nei corridoi dell’OMS, la dice lunga sui dispositivi che muovono lageopolitica della salute, nei tempi interconnessi della globalizzazione. Ifenomeni di urbanizzazione e l’espansione delle città, nonché la maggiore mobilità delle persone, creano oggettivamente i presupposti di quella che Mark Woolhouse, epidemiologo delle malattie infettive dell’Università di Edinburgo ha definito “la tempesta perfetta per l’emersione dei virus”. Eppure non tutti i virus attirano la comunità internazionale con lo stesso potere di mobilitazione. “In un certo senso si tratta di una morte annunciata”, commenta Janis Lazdins, già responsabile della ricerca presso la TropicalDiseaseResearch Unit (TDR) dell’OMS, “ per diversi anni si è cercato di convincere l’OMS a promuovere la ricerca contro l’Ebola, magari inserendola nel paniere di patologie cui poteva dedicarsi TDR, ma è sempre stato risposto che si trattava di una malattia focale, di focolai virulenti, capaci di estinguersi da soli. Oggi è cambiato tutto.  Ma il rischio è che l’OMS abbia un know-how molto limitato sulla malattia, sicuramente in ambito di ricerca e sviluppo di nuovi farmaci per combatterla”.

Solo ad agosto l’OMS ha riconosciuto Ebola come un’emergenza internazionale, segno che non proprio tutti i contagi pesano in ugual misura. Di tutt’altro dinamismo fula risposta che l’OMS seppe sollecitare nel 2003 al virus della sindrome acuta respiratoria (SARS). Il virus colpì paesi economicamente forti e fulminò in poche settimane pochi businessmen globali approdati in Canadadalle aree dell’Asia riportate come focolai della malattia. A recuperare la reticenza iniziale, se non il vero e proprio occultamento della malattia da parte dei governi, l’OMS riuscìad attivare un network di risposta globale, costringendo la comunità scientifica internazionale ad uno sforzo di collaborazione che viene ancora oggi additato a modello, e che in pochi mesi produsse i primi strumenti medici.

Eppure i motivi di preoccupazione per la diffusione dell’Ebola non mancano. Le proiezioni pubblicate a metà settembre dall’US Centre for Disease Control and Prevention (CDC) di Atlanta non lasciano scampo. In Sierra Leone e in Liberia soltanto, più di 20.000 nuovi casi potrebbero emergere nelle prossime settimane e qualcosa come 1,4 milioni entro gennaio 2015 se il contagio continuasse a propagarsi ai ritmi attuali.  Il virus ha potuto diffondersi con sorprendente rapidità finora perché il compito di identificarlo e gestirlo è stato lasciato in buona sostanza ai sistemi sanitari del tutto inadeguati di paesi molto poveri, e assolutamente impreparati ad affrontarne la virulenza. Gli ospedali e i presidi sanitari erano, e restano ancora oggi, del tutto sguarniti degli strumenti fondamentali per contenere l’infezione: i guanti, l’acqua corrente, gli scafandri protettivi.  Il personale sanitario africano, che già si conta al lumicino, ha pagato un prezzo altissimo in termini di contagio e di vite.Un triste catalogodi disfunzioni politiche, mediche e logistiche, peraltro non nuove. Un elenco fitto di lezioni che Ebola insegna alla comunità sanitaria globale, focalizzata da troppi anni su poche, specifiche, malattie in voga presso la comunità dei donatori, a discapito dell’attenzione rivolta alla salute primaria, alle priorità che per gli africani contano davvero. La prevenzione e la promozione della salute.

L’Ebola però parla anche dell’OMS di questi anni. Racconta le conseguenze della sua debolezza finanziaria e soprattutto politica, un’autentica minaccia alla salute del pianeta. In quanto autorità pubblica con il compito di dirigere e coordinare le operazioni di salute internazionale, l’OMS dovrebbe essere adeguatamente carenata ad intercettare e affrontare tutte le emergenze sanitarie. A questo scopo l’agenzia, proprio all’indomani della SARS, si è dotata di healthregulations vincolanti per tutti i suoi 194 membri. Eppure, a parlare con i funzionari di Ginevrain queste settimane, si deve prendere atto che l’agenzia sta grattando il barile dei pochi fondi di cui dispone e sta facendo i conti con la riduzione drastica del suo personale, soprattutto quello della vecchia scuola, che è stato dismesso o ha trasmigrato altrove. Inoltre le priorità dell’OMS sono state condizionate negli ultimi anni da un nugolo sempre più ristretto di paesi donatori e di finanziatori privatiche hanno lasciato ben poco spazio di manovra all’agenzia in termini di priorità sanitarie.Il filantropoBill Gates la fa da padrone fra tutti: dal 2013 risulta essere il primo erogatore di fondi dell’OMS, e non era mai avvenuto nella storia dell’agenzia che un privato superasse il finanziamento dei governi. I governi dal canto loro, permettono che tutto questo avvenga, al massimo con qualche mal di pancia. Neppure i potenti BRICS fanno eccezione.

Ebola ci costringe dunque a misurare il collasso del governo mondiale della salute. Ora che l’epidemia priva di medicinali essenziali ha innescato la competizione fra case farmaceutiche, aziende biotech e centri di ricerca, si tratta di capire se l’OMS possa accompagnare la corsa al vaccino che si è scatenata, e con quali processi di trasparenza, di competenza tecnica, di arruolamento degli esperti. Già una volta, con l’influenza aviaria, l’agenzia è stata fagocitata dal conflitto di interessi, con gravi effetti reputazionali.

Le ricerche contro il virus dell’Ebola, avviate tramite l’uso dei sieri delle persone infette come raccomandato dall’OMS, sono ancora a una fase molto incipiente, nel senso che nessuna sperimentazione è andata oltre il livello animale. Inoltre tutto il discorso della ricerca sembra essere sfuggito, in senso stretto, alle autoritàdei paesi colpiti, le qualihanno detto in tutte le lingue di non essere in grado di valutare la qualità dei farmaci contro Ebola. All’OMS non resta dunque che affidarsi alla Food and Drug Administration, sempre più coinvolta dato l’attivismo delle aziende biotech americane, oppure all’EuropeanMedicines Agency (EMA).

Lo scenario presenta alcuni problemi. Il primo rischio è che i criteri stringenti e competitivi diFDA e EMA rallentino la messa in campo di nuovi vaccini, e producano un impatto indesiderato sul prezzo del prodotto finale, come del resto avviene in maniera sempre più sistematica con i vaccini di ultima generazione.  Che ruolo saprà o potrà svolgere l’OMS per negoziare il prezzo dei dispositivi medicali così urgenti?  Sarebbe una beffa odiosa se,a fronte dell’emergenza, i farmaci essenziali non fossero accessibili. L’altro problema riguarda il volume di produzione dei nuovi prodotti. Difficile capire che cosa abbia fatto finora l’OMS per spingere quelli che hanno la tecnologia a impegnarsi sui grossi volumi di farmaci, negoziando un accordo fra inventori e produttori del vaccino. Difficile capire se abbia la volontà politica, la leadership necessaria per esercitare questo ruolo di mediazione sull’accesso di larga scala. Infine, come chiede Janis Lazdins, “una volta che il vaccino fosse disponibile, chi ne controllerà l’accessibilità: il paese colpito dall’Ebola, l’azienda produttrice, oppure il finanziatore del progetto di ricerca?”.

C’è un ruolo per l’OMS in questo scenario, ci chiediamo noi?

Nicoletta Dentico, 7.10.2014

Il Manifesto

Fonte: http://ilmanifesto.info/ebola-la-tempesta-perfetta/

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Geneve – WHO & FAO Open-Ended Working Group: agreement on the Political Declaration for the 2°International Conference on Nutrition

Tackling the root causes of malnutrition, the needed step to secure the right to adequate food for all

 Geneva, 24 September 2014Member States gathered in Geneva on 22 and 23 September for an Open-Ended Working Group organised by WHO and FAO with the aim of finding an agreement on the Political Declaration for the Second International Conference on Nutrition (ICN2), which will be held in Rome from 19 to 21 November. The ICN2 seeks to propose an updated policy framework to address today’s major food and nutrition challenges, to promote policy coherence and identify priorities to strengthen international cooperation in this area.

After months of pressure by public interest civil society organisations (CSOs) gathered in a coalition of 150 members and advocating for a more participatory and democratic UN process leading up toICN2, finally a first formal opportunity for effective participation in the process was granted by the joint initiative of WHO and FAO. Mixed delegations from around 75 Member States negotiated the official conference outcome documents through interaction with a range of external constituencies, including public interest civil society.

During the two day meeting, public interest civil society organizations urged Member States to take a strong leadership role in finding a way forward to tackle the root causes of the multiple burden of malnutrition, namely the tragedy of over 800 million people estimated to be chronically undernourished, 2 billion people suffering from the consequences of micronutrient deficiencies, and the rapidly growing global epidemic of overweight and obesity, especially in developing countries, with the projection of over 2 billion adults affected by 2015.

CSOs, in their three interventions, raised a number of key issues outlined in their Consensus Statement to the Open-Ended Working Group. Firstly, they stressed the need to be recognised as a group in their own right, distinct from the private sector, the interests of which in this debate are oriented towards reinforcing market values in the food and nutrition domain and maximising profits.

CSOs repeatedly highlighted the need for a human-rights approach to food and nutrition which guarantees the rights of populations and communities most affected by the different forms of malnutrition to be at the core of policymaking related to the implementation of the outcomes of the ICN2, in compliance with internationally agreed human rights obligations. Governments’ policy space must be safeguarded in all phases and at all levels, CSOs highlighted, against potential conflicts of interests introduced by powerful economic actors, particularly transnational corporations.

In this regard, the coalition of civil society and social movements expressed serious concerns at the statement made by the EU representative during the negotiation, advocating for the removal of any mention to the impact of trade on nutrition from the ICN2 Political Declaration draft. The global trading system and WTO rules have devastated local and national sovereignty to protect and advance self-determined capacity to meet and maximize nutritional needs in local and regional food systems and economies.

ICN2 is uniquely placed to send a powerful message to other intergovernmental fora whose policies have significant implications on food and nutrition strategies – both within and outside of the UN system” declared the CSO coalition.

Civil society organizations and social movements believe that Member States have a great responsibility for ensuring an ambitious outcome to this international conference. Indeed, the magnitude of the multiple burden of malnutrition hitting the world today demands it.

For more information, please contact Flavio Valente (Valente@fian.org)

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Open letter to Ban Ki-moon: Tell the UN to Put an End to Tax Abuse

Full Open Letter Here: http://bit.ly/1s9FWpW

Firma la petizione: Tell the UN to put a stop to tax abuse

Executive Summary 

Intense negotiations are underway this month at the United Nations
over the new Sustainable Development Goals that will be rolled out in 2015. But the SDGs are almost completely silent on one of the most important development issues of our generation: tax abuse. Academics Stand Against Poverty (ASAP) is taking action to change this.

Tax abuse drains developing countries of hundreds of billions of dollars each year, vastly outstripping the total amount of aid that developing countries receive.

Many multinational corporations shift their profits to jurisdictions
where taxes are lower or even non-existent. Between 2002 and 2011, such practices robbed developing countries of $4.7 trillion, which is nearly six times the amount of official development assistance they received during the same period.

Wealthy individuals in developing countries also abuse the tax system: between 26 and 33 percent of all private financial wealth owned by people in Africa, Latin America, the Middle East and Asia is kept abroad. Because developing country governments are unable to tax these hidden funds, they lack the resources necessary to help their citizens escape poverty.

We have an opportunity to put an end to this destructive practice. Fifty prominent tax and development experts have signed an open letter calling on UN Secretary General Ban Ki-moon to push for the inclusion of specific policies in the SDGs that would stop tax abuse once and for all.

Sign and circulate this petition to add your name to the open letter and join the fight against tax abuse at the highest levels. You can help us reach our goal of getting 2015 signatures before the UN.

General Assembly meets on September 24.

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

La salute al centro dell’agenda post 2015

Il semestre italiano di presidenza dell’Unione Europea (UE) si colloca in un momento strategico del negoziato che determinerà l’agenda globale per lo sviluppo dopo il 2015. A chiusura del ciclo teso al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (Millennium Development Goals, MDGs), la comunità internazionale è chiamata a definire a settembre, a New York, l’impostazione dei nuovi Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (Sustainable Development Goals, SDGs).

Cosa fare, perché questo decisivo passaggio della comunità internazionale garantisca il superamento degli errori commessi in passato? E come impedire che gli SDGs finiscano per diventare la reiterazione di un percorso intergovernativo ammaccato dalle difficoltà del multilateralismo?

Gli MDGs, che pure hanno inaugurato un’ondata di impegno senza precedenti da parte della comunità internazionale, hanno avuto non pochi limiti. Tra quelli riconosciuti, la strutturale settorialità imposta dai rigidi criteri di misura (senza peraltro la possibilità di misurare l’attendibilità dei dati nei singoli paesi), lo statuto normativo uguale per tutti i paesi ma non vincolante (soft norm), e l’istituzionalizzazione quasi ideologica del ruolo delle partnership tra settore pubblico e privato nell’agenda per lo sviluppo. Oggi, la mobilitazione che gli MDGs hanno prodotto necessita di una profonda rivisitazione, se si vogliono affrontare adeguatamente le sfide di un pianeta appesantito da sette anni di contrazione finanziaria ed economica globali, dalla crisi del clima e dell’ambiente, dall’aumento delle disuguaglianze tra Paesi e all’interno degli stessi Paesi e dall’acuirsi di guerre e conflitti. Scenari che hanno tra l’altro alterato in misura significativa le regole della democrazia e della governance globale.

L’UE, per la capacità dimostrata in passato di saper tradurre i diritti universali in un originale patto sociale tra cittadine e cittadini all’interno dei suoi stati membri, ha le carte in regola per esercitare un ruolo di leadership nella definizione delle dimensioni di un futuro sostenibile. Ha il bagaglio di conoscenza e la tradizione di esperienze che servono per imprimere la giusta direzione politica agli orizzonti futuri dello sviluppo umano, in un’ottica di equità intergenerazionale.

La salute, prima di tutto.

L’Osservatorio Italiano sulla Salute Globale (OISG) ritiene che per avviare un percorso di vero sviluppo umano si debba partire dalla salute. La salute incrocia fattori diversi e decisivi in tutte le fasi dell’esistenza di una persona: educazione, lavoro, equilibrio di genere, distribuzione delle ricchezze e accesso alle risorse, protezione sociale, capacità di autodeterminazione e qualità di una democrazia. La salute richiede di mettere in atto politiche intersettoriali e diversificare il grado di integrazione tra settori. La salute è un rilevatore drammatico e precoce dell’andamento di altri indicatori, e l’equità in salute misura la qualità e l’estensione della titolarità di cittadinanza attribuita agli individui in una società.

La disuguaglianza in salute, per contro, racconta di tutte le altre disuguaglianze. I dati epidemiologici ormai acquisiti sulla Grecia[1,2], rimandano alla necessità di valutare con estrema attenzione l’impatto e la sostenibilità delle politiche di controllo della spesa[3]. In particolare, mettono in guardia i decisori politici dalla tentazione di misurare la performance degli stati sulla base dimeri criteri finanziari, intervenendo con gravi sanzioni contro i Paesi che violano gli indicatori di stabilità economica assunti a riferimento.

Per l’agenda post 2015, OISG propone tre pilastri su cui costruire l’impianto degli SDGs:

I. PIÙ ANNI DI VITA SANA PER TUTTE E TUTTI

La buona salute di un individuo e di una popolazione è il risultato di una vita in cui tutti i determinanti di salute (biologici, sanitari, ambientali, economici e sociali) contribuiscono in maniera positiva a prevenire e a controllare disagio, malessere e malattia. L’indicatore che meglio rileva il perseguimento di una vita sana è l’aspettativa di vita in buona salute (Healthy Life Expectancy, HLE[4]), una misura indiretta di tutte le altre dimensioni dello sviluppo che influenzano la salute e le opportunità reali per le persone: educazione, lavoro, salario, abitazione, clima, nonché il rispetto dei diritti umani.

OISG raccomanda l’uso dell’HLE dalla nascita come indicatore centrale per la determinazione del raggiungimento degli SDGs. L’obiettivo “più anni di vita sana per tutte e tutti” comprende una componente di miglioramento della salute (più anni di vita sana) e una di riduzione delle iniquità (per tutte e tutti, inteso come diminuzione del divario tra poveri e ricchi e tra maschi e femmine).

L’HLE, come qualsiasi altro indicatore di salute, varia da Paese a Paese e all’interno dei Paesi, per area geografica, per distribuzione differenziale delle risorse, ma soprattutto per classe sociale. Perché possa servire a diminuire il gradiente di disuguaglianza, l’HLE deve essere sempre misurato, e presentato, in base a uno stratificatore di equità: a una variabile, cioè, che misuri le differenze sociali, come per esempio la distribuzione per livello di istruzione o per quintile di reddito. Il livello di reddito è lo stratificatore di equità più usato a livello globale, perché più fattibile. Si può comparare, per esempio, l’HLE del 20% più povero rispetto al 20% più ricco in una popolazione.

A questo obiettivo centrale, se ne possono aggiungere altri su aspetti specifici di salute che contribuiscono a migliorare l’HLE per tutte e tutti. Questi altri obiettivi possono essere diversi da Paese a Paese e si incrociano in maniera diversa all’interno dei Paesi, ove vi siano aree geografiche disomogenee in termini di sviluppo umano. Per esempio, nelle popolazioni a reddito basso o molto basso, il maggiore contributo al miglioramento dell’HLE è dato dalla riduzione della mortalità materna, neonatale, infantile e sotto i cinque anni. Nelle popolazioni ad alto reddito può essere più importante concentrarsi sulle cause di disabilità negli ultra cinquantenni. In tutti i Paesi, indipendentemente dal loro grado di sviluppo, ci dovranno essere obiettivi specifici riguardanti la prevenzione e il controllo delle malattie non trasmissibili e il rafforzamento dei sistemi sanitari. Sono tutte scelte che devono essere formulate tenendo conto dei diversi contesti, in un’ottica di grande concretezza, misurabilità e adattabilità, senza occultare i fattori che pesano in una data società.

Porsi come obiettivo primario, con adeguati obiettivi secondari, più anni di vita sana per tutte e tutti non esime i singoli governi e la comunità internazionale dalla responsabilità e dall’impegno a garantire una vita degna alle persone che hanno una vita sana più breve o che trascorrono periodi della loro pur lunga vita con disagio, malessere e malattia.

II. I PRIMI ANNI DURANO TUTTA LA VITA

La strategia migliore per assicurare più anni di vita sana sulla base dell’equità, anche intergenerazionale, consiste nell’occuparsi delle primissime fasi della vita, dal concepimento ai primi tre anni. Questo è il periodo fondamentale per la salute, la nutrizione e lo sviluppo cognitivo, emotivo e sociale di una persona, con effetti prolungati per tutto il corso dell’esistenza. Povertà, mancanza di accesso a cure adeguate a partire da gravidanza e nascita, e carenze di opportunità di crescita e sviluppo, da quelle di una nutrizione adeguata a quelle educative e socio-relazionali, contribuiscono a determinare, durante questo periodo fondamentale, il circolo vizioso tra povertà e malattia. I primi anni costituiscono quindi una finestra senza eguali di opportunità di intervento per la prevenzione dei rischi e la promozione della salute e dello sviluppo[5].

L’investimento dei genitori sui figli dipende dalla loro situazione occupazionale e patrimoniale, dallo stato di salute, dal gradodi istruzione e, in buona sostanza, dalla capacità di autodeterminazione. Dipende anche dal tipo di solidarietà che una comunità nazionale riesce a mettere in campo. Politiche di protezione sociale, di piena occupazione e di sostegno al reddito[6], politiche universalistiche che riguardano la salute e l’educazione dei figli, tramite servizi che raggiungano i singoli e le famiglie a partire dal periodo pre-concezionale, con particolare riguardo per nuclei in situazioni difficili e bambini con bisogni speciali, sono riconosciute ormai come la strada maestra per garantire sviluppo umano.

OISG raccomanda di assicurare a ogni bambino il miglior inizio possibile alla vita, in quanto ciò rappresenta una delle più lungimiranti ed efficaci politiche che i governi possano adottare per costruire scenari di equità e sostenibilità. “Investire nei bambini: rompere il circolo vizioso dello svantaggio socio-culturale” è una raccomandazione della Commissione Europea del febbraio 2013[7]. Gli investimenti nella salute, nella nutrizione e nello sviluppo cognitivo, emotivo e sociale nei primissimi anni di vita, sono quelli che garantiscono infatti il più alto ritorno economico per gli individui e per la società. In ultima analisi è un imperativo etico, oltre che un diritto riconosciuto sul piano internazioanle, cui corrisponde un dovere vincolante per gli stati[8].

III. L’INDISPENSABILE CONDIZIONE DELLA RESPONSABILITÀ

La sfida forse più dirimente per gli obiettivi post-2015 è quella di non riprodurre la dissociazione tra la suggestione delle proposte globali (i risultati promessi e i termini per raggiungerli) e l’incertezza e limitatezza, quando non addirittura assenza, di obiettivi raggiunti quantitativamente e misurabili in modo attendibile.

A questa nota e profonda dissociazione, si aggiunge oggi, nel negoziato post-2015, un dato ancor più preoccupante perché assai poco discusso in ambito intergovernativo: non è previsto, né in fase di programmazione né, ancor meno, di valutazione di risultati, alcun regime di responsabilità e di obbligo vincolante per gli stati e la comunità internazionale. Ancora una volta, rischia di prevalere la logica che concepisce gli SDGs come oggetto di raccomandazioni non cogenti. Una logica erroneamente data per acquisita da una comunità globale nella quale si intrecciano, con modalità assai poco rigorose, attori pubblici e interessi privati. La sanità e la salute coincidono strettamente con la difesa, la garanzia e la promozione dei diritti umani e delle popolazioni; appartengono perciò all’area dell’obbligatorietà[9,10]. La loro violazione, per commissione o per omissione, coincide in questo senso con una responsabilità rispetto al diritto inviolabile a una vita degna.

OISG raccomanda una formulazione di obbligatorietà degli SDGs, a partire dagli obiettivi relativi alla salute, a livello individuale e collettivo, con un rendiconto che sia specifico e non generico. In questa formulazione è imprescindibile nominare in modo chiaro:
• a chi fanno capo le responsabilità di prevedere, programmare e rendere attuabile una normativa sanitaria che sia garante di copertura universale concreta;
• dove e in che misurasi decidono queste responsabilità, a livello di Paesi, Regioni e Agenzie Internazionali;
• le rigide regole economiche e commerciali, che devono essere interpretate ed attuate secondo parametri flessibili laddove siano in contrasto con la fruibilità dei diritti umani universali (per esempio, il diritto di proprietà intellettuale rispetto all’accessibilità a farmaci salvavita e vaccini);
• le clausole di salvaguardia che devono orientare i comportamenti e le scelte dei governi, specialmente in relazione ai trattati commerciali bilaterali e multilaterali, il cui potenziale impatto sullo sviluppo sostenibile post-2015 deve essere oggetto di seria analisi;
• le aree da monitorare formalmente per ridurre il rischio concreto di dipendenza del pubblico da interessi e investimenti (molto spesso illegittimi oltre che illeciti) di attori privati, incluse agenzie finanziarie regionali e globali e gruppi attivi nei servizi sociali e sanitari a livello transnazionale.

La definizione dell’agenda post 2015 è senza dubbio una sfida esigente. Ma è anche un’occasione irripetibile per un salto concettuale e operativo, nel segno di politiche capaci di affrontare la realtà, nel sud e nel nord del pianeta.

In una società globale immersa in un senso di precarietà diffusa, la nozione di sviluppo sostenibile richiede coraggio e lungimiranza. La comunità internazionale deve saper mettere in campo il cambiamento critico che serve a superare gli acuti contrasti del tempo presente e a restituire priorità di attuazione alle politiche universalistiche e agli spazi di democrazia, fondamentali entrambi a garantire una vita degna di essere vissuta.

Mettere la salute al centro del percorso è il primo passo.

Perché nessuno rimanga indietro.

Note:

1. Kondilis E et al. Economic crisis, restrictive policies and the population’s health and health care: the Greek case. Am J Public Health 2013;103:973-9

2. Karanilolos M et al. Financial crisis, austerity and health in Europe. Lancet 2013;381:1323-31

3. Stuckler D, Basu S. The Body Economy: Why Austerity Kills. Basic Books, New York, 2013.

4. La HLE è tipicamente inferiore di circa 10-20 anni rispetto all’aspettativa di vita (Life Expectancy, LE). Entrambe si possono stimare dalla nascita oppure dopo aver raggiunto una certa età.

5. Walker SP et al. Inequality in early childhood: risk and protective factors for early child development. Lancet 2011;378:1325-38

6. United Nations Development Programme (UNDP). Sustaining human progress: reducing vulnerabilities and building resilience. Rapporto sullo Sviluppo Umano 2014, pp. 9-12

7. Commissione Europea. Investire nei bambini per rompere il circolo vizioso dello svantaggio. Bruxelles, 2013.

8. Convenzione sui Diritti dell’Infanzia http://www.unicef.it/doc/599/convenzione-diritti-infanzia-adolescenza.htm

9. International Covenant on Economic, Social and Cultural Rights. United Nations, New York, 1966 http://www.ohchr.org/Documents/ProfessionalInterest/cescr.pdf

10. World Health Organization. 25 questions and answers on health and human rights. WHO, Geneva, 2002 http://whqlibdoc.who.int/hq/2002/9241545690.pdf

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Rapporto sull’attuazione della Piattaforma d’Azione di Pechino Rilevazione quinquennale: 2009-2014 Cosa veramente è stato fatto in Italia

Nel 1995 si svolgeva a Pechino la IV Conferenza mondiale sulle donne che stabiliva la verifica ogni cinque anni dell’attuazione della Piattaforma d’Azione per ogni paese che l’aveva sottoscritto.

A giugno 2014 il Governo ha inviato il proprio rapporto 2009-2014 all’ONU. http://www.unece.org/genderwelcome-new/monitoring-progress/beijing-platform-for-action/genderbeijing-20.html).

Diverse organizzazioni per la promozione dei diritti umani, associazioni delle donne, coordinamenti sindacali e singole esperte di genere, hanno redatto sulla base della loro esperienza, un proprio rapporto Pechino 2009-2014 che è stato presentato Giovedì 24 luglio 2014 in Conferenza stampa alla Camera dei Deputati, ospitato dall’On. Rosa Villecco Calipari, Vicepresidente Commissione Difesa.

Cita il rapporto:
“L’Italia, rispetto al tema dell’uguaglianza di genere, ha attirato l’attenzione e le critiche delle istituzioni internazionali diverse volte negli ultimi cinque anni. L’Italia deve fare chiarezza e impegnarsi diversamente a partire dal periodo della sua Presidenza UE.”

Rapporto ombra Pechino 2009-2014_July

 

 

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

The Lancet – An open letter for the people in Gaza

Paola Manduca, Iain Chalmers, Derek Summerfield, Mads Gilbert, Swee Ang, on behalf of 24 signatories.
Continua a leggere

Pubblicato in Conflitti e salute | Lascia un commento

Statement by the Participants of the International Summer School RHEACH held in Izmir, Turkey, 8th – 18th July, 2014, on the current Israeli military operation in the Gaza Strip.

11th July, 2014

The following participants of the International Summer School RHEACH (Toward a Right
to Health Without Borders. Interdisciplinary approaches for social change) held in Izmir,
Turkey, 8th – 18th July, 2014, strongly condemn the Israeli bombing of the Gaza Strip, as
part of a military operation codenamed “Protective Edge”, in gross violation of
international law, including international humanitarian law and the relevant provisions
on the protection of civilians in armed conflict, and in grave violation of the prohibition
of reprisals and collective punishment against the civilian population under occupation.
Israeli attacks, with the stated objective of stopping Palestinian rocket firing at southern
Israel and destroying the military infrastructure of Hamas and other armed groups, have
so far included heavy aerial and navy bombardment throughout the Gaza Strip. This
aggression is set in a context of a seven years-long virtually total blockade of the Gaza
Strip by Israel which has caused severe deterioration of Gaza’s health and sanitarian
conditions, loss of employment and severe shortage of basic means of survival for the
whole population. Conspicuous has been the silence of the international community
about this unacceptable situation.
According to the UN Office of the Coordinator for Humanitarian Affairs – OCHA
(9/7/2014) (http://www.ochaopt.org/documents/ocha_opt_sitrep_09_07_2014_.pdf )
“The targeting and destruction of residential properties in Gaza is the main cause of
civilian casualties… Gaza hospitals treating injuries are affected by severe shortages of
medical supplies and fuel needed to operate backup generators… Indiscriminate rocket
firing by armed groups from Gaza has targeted main Israeli population centers, but has
resulted in no casualties, so far. [As to July 9th, 1500 hrs] some 150 homes have been
destroyed or severely damaged by Israeli airstrikes, displacing about 900 people who are
being hosted by relatives”
The bombing of Gaza on the last few days has been preceded by West Bank killings,
ground invasions with tanks, overflights, violent home invasions, indiscriminate and
arbitrary civilian arrests, rearrests of freed prisoners, threats to force-feed hunger
strikers, and the free hand given to settler violence. Israel justifies the current operations
using the deaths of three young Israeli settlers in territory under full Israeli control in
the West Bank, deaths which remain unclaimed by any Palestinian faction, and whose
involvement Israel has produced no evidence for.
This letter is a sign of solidarity with the Palestinian population and a message telling
our governments and the public that we are opposed to this indiscriminate and
disproportionate violence and we believe that the continued silence of the international
community gives a green light to Israel to persist on its policy of violent reprisal and
collective punishment of the entire Palestinian population.

Signed:

FACULTY

Ildiko Otova, Anna Krasteva, New Bulgarian University, Sofia, Bulgaria
Alexis Benos, Aristotle University of Thessaloniki, Greece
Angelo Stefanini, Marianna Parisotto and Martina Riccio, University of Bologna, Italy
Feride Aksu, Asli Davas, Ali Osman Karababa, Hur Hassoy, Raika Durusoy, Isil
Ergin, Ege University, Izmir, Turkey
Sonia McKay, London Metropolitan University, United Kingdom
Elias Kondilis Queen Mary University of London, United Kingdom
Carles X. Simó Noguera, University of Valencia, Spain

STUDENTS

University of Bologna:
Emma Cavalleri
Giovanni Visentin
Roberto Verardi
Migena Selcetaj

New Bulgarian University, Sofia:
Marina Trentcheva

Ege University, Izmir:
Zeynep Sedef Varol
Ayşe Nur Usturalı Mut
İlker Adıgüzel

University of Geneva:
Oriane Lacour

University of Valencia:
Rafa Campillo
Jan Lauer

London Metropolitan University
Natasha Choudary
Marina Anastasio

Charité – Universitätsmedizin, Berlin:
Charlotte Linke
Eva Sedlin
Judith Wagemann
TraMy Dang

London Queen Mary University of London
Camilla Ramus
Nicolas Blondel:
Hannah Cowan

Aristotle University of Thessaloniki:

Veziri Zacharoula

Kleidona Panagiota

Varela Giorgos
Papadopoulos Panagiotis

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento